community-left

donazioni-left

donazioni-top-left

community-top-left

In questa sezione sono collocati sviluppi analitici e riflessioni su singoli aspetti di questa variegata tematica, miranti a fornire al lettore nuovi spunti critici e stimoli ad ampliare il proprio punto di vista.  Gli argomenti trattati spaziano dall'accesso ai farmaci alle nuove frontiere della ricerca scientifica, dagli orientamenti politici e ideologici su come affrontare l'espansione dell'epidemia ai cambiamenti dei costumi sociali e delle abitudini sessuali.

LA COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE: 10 REGOLE DI COMPORTAMENTO

medico-pazienteNadironlus.org propone qualche semplice strategia, utile al miglioramento del dialogo tra le parti.

La gestione multidisciplinare del paziente con HIV nel 2016 incontra sfide numerose, che vanno ben oltre il monitoraggio dei tradizionali parametri viro-immunologici.

L’invecchiamento e l’insorgenza di comorbosità, l’importanza di una terapia efficace – che consenta alla persona con HIV il proprio benessere, ma anche di ridurre la propria infettività – l’attenzione precoce ad una serie di parametri clinici che permetta di prevenire l’aggravarsi di comorbosità, sono tutti aspetti imprescindibili della gestione odierna del paziente.

Leggi tutto

PLUS ONLUS PROPONE HIVoices, laboratorio su sieropositività e identità sessuale

Hivoices-300x145VENERDÌ 15, SABATO 16 e DOMENICA 17 APRILE 2016
rivolto a MSM che vivono con l'HIV

HIVoices è un laboratorio intensivo, rivolto ESCLUSIVAMENTE a persone che vivono con HIV omosessuali, bisessuali e MsM (maschi che fanno sesso con maschi), pensato NON per ‘convincere’ a fare ‘coming out’ rispetto al proprio stato sierologico positivo, ma piuttosto come un’esperienza per poter vivere meglio e in maniera più consapevole la propria identità di persona omo/bisessuale che vive con HIV.

Leggi tutto

AIDS, VARIANTE IN PROVETTA INFETTA RICERCATORE SENZA GUANTI ROTTI O PUNTURA. COM'È SUCCESSO?

laboratorioUna variante in provetta di Aids può infettare.
E purtroppo è la realtà che ha colpito un ricercatore durante la sua permanenza in uno dei più grandi istituti europei di ricerca.
Ad annunciarlo proprio gli scienziati riunitosi nella conferenza annuale sui Retrovirus (CROI) che purtroppo, oltre ai risultati sugli ultimi metodi di ricerca, hanno dovuto raccontare questa triste vicenda. 

Leggi tutto

INDOMITO HIV: COLPIAMOLO NEI SERBATOI VIRALI

hiv3L'Hiv sta ancora crescendo anche quando non risulta dagli esami del sangue (viremia) e infetta nuove cellule. Una ricerca internazionale (pubblicata su Nature) guidata dalla Northwestern University ha appurato che l'Hiv continua a replicarsi, annidandosi nel tessuto linfatico (nei cosiddetti "serbatoi" o reservoir virali). Il virus si mantiene nel corpo sebbene il paziente sia "bombardato" di cure antiretrovirali e senza farsi "vedere" nei test. Appena vengono interrotte le cure, il virus cos' riprende forza.

Nello scorso agosto dall'università di Liverpool il team di Anna Maria Geretti aveva già annunciato la "cattiva notizia": sulla rivista EBioMedicine era stata pubblicata una ricerca su 50 pazienti sotto trattamento tra 1 e 14 anni. "Questa ricerca mostra che l'Hiv ha trovato ancora un'altra via per evitare i trattamenti", aveva scritto l'immunologa. "L'Hiv si nasconde dentro i linfociti CD4" affermava Geretti, "sapevamo che era difficile sopprimerlo completamente ed eradicare il virus. Si è sempre sperato che come il corpo gradualmente rinnova le cellule CD4 anche l'Hiv nascosto sarebbe morto". Invece il virus può ancora replicarsi.

Leggi tutto

HIV: AUMENTANO I CEPPI RESISTENTI IN AFRICA E IN EUROPA

hivC’è preoccupazione per i malati di hiv: alcuni ceppi del virus stanno infatti diventando resistenti a uno dei farmaci antiretrovirali più usati per prevenirlo e combatterlo, il tenofovir. In diversi paesi africani l’hiv ha sviluppato resistenze nel 60% dei casi. È quanto ha verificato uno studio condotto dall’University College di Londra su 2mila pazienti, pubblicato sulla rivista Lancet Infectious Diseases. I ricercatori, coordinati da Ravi Gupta, hanno messo a confronto i malati sieropositivi africani con quelli europei nel periodo tra il 1998 e 2015, scoprendo che in Africa il 60% dei pazienti era diventato resistente al farmaco contro solo il 20% di quelli europei.

Leggi tutto

Newsletter

Istituto Della Donazione

onp selezionata da iid 1

Community

community
Submenu:

Sieropositivo.it