community-left

donazioni-left

donazioni-top-left

community-top-left

Senza-titolo-3-5Persone sieropositive che non sanno di esserlo e quindi possono trasmettere l’infezione a loro insaputa. Complice anche la grande ignoranza degli italiani. Dati preoccupanti emersi a ICAR, però in Italia se ne parla poco, molto poco.

“Sommerso”, nuovi contagi e ignoranza. Di questo e di molto altro si è parlato a ICAR-Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, che si è tenuto a Milano dal 6 all’8 giugno 2016 presso l’Università Milano-Bicocca. Il congresso, presieduto dai professori Andrea Gori, (Monza), Adriano Lazzarin, (Milano), e Franco Maggiolo, è stato organizzato sotto l’egida della SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali.

Ma procediamo con ordine, iniziamo con il “sommerso”. Ovvero quelle persone che sono sieropositive ma non lo sanno e quindi possono diffondere l’infezione senza esserne consapevoli.
«Secondo le ultime stime in nostro possesso nella provincia di Monza e Brianza ci sono all'incirca 4.000 persone sieropositive, con un sommerso -ovvero chi non sa di essere contagioso- del 35%». Ha spiegato il Prof. Andrea Gori, Direttore Malattie Infettive al San Gerardo di Monza, Università Milano-Bicocca.
Presso la struttura ospedaliera San Gerardo, a Monza, sono seguiti circa 2.000 pazienti con Hiv. Per quanto riguarda Bergamo, sono 2.500 i pazienti seguiti all'interno degli ambulatori. Cifre che non fotografano bene la situazione reale, a causa di quel "sommerso" nazionale che preoccupa gli specialisti. In Lombardia, in totale, si calcolano circa 20mila casi.
«Quello dei nuovi contagi è un problema che diventa, giorno dopo giorno, sempre più grave. – ha evidenziato Gori - Negli ultimi 4-5 anni c'è stato un incremento di infezioni tra i giovani, soprattutto nella fascia d'età 25-30 anni. Inizia anche un fenomeno parallelo di diffusione del virus nella popolazione eterosessuale: se però i gruppi LGBTQ sono tendenzialmente informati, e si espongono al rischio nonostante la consapevolezza del rischio, i secondi no, e ignorano completamente il problema».

L’obiettivo di ICAR e di tutte le associazioni coinvolte è quello di riaccendere i riflettori sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse. «Un tema, questo, che dopo anni di grande attenzione da parte di istituzioni, media e opinione pubblica, sta perdendo appeal – ha affermato Adriano Lazzarin, primario della Divisione di Malattie Infettive dell’Istituto San Raffaele di Milano -. Soprattutto, si sta verificando una perdita di consapevolezza su patologie come l’Aids, che ha portato a una nuova crescita, in Europa e in Italia, della loro diffusione, tanto da farne uno dei problemi più seri di salute pubblica al mondo. Perciò, è importante ripartire con iniziative di educazione e informazione sia a livello istituzionale che nel privato».
La causa principale, intorno al 90%, dei nuovi contagi rimane sempre la stessa: la mancanza dell’uso del preservativo, tanto nei rapporti etero quanto in quelli omosex. Se nella comunità gay si riscontra una maggiore conoscenza della trasmissione della malattia, tra gli eterosessuali è ampia la fetta di inconsapevoli.

HIV e AIDS: l’ignoranza degli italiani

Lo ripetiamo da molti anni: in Italia non si fa informazione e non si parla di prevenzione. Il risultato è una profonda ignoranza.

L’ignoranza degli italiani è stata misurata da un’indagine svolta da SWG per conto di Nps Italia Onlus. La società di ricerche demoscopiche ha contattato un campione rappresentativo di mille persone stratificato secondo quattro parametri: età, genere, luogo di residenza e ampiezza del comune di residenza. La ricerca ha indagato il livello d’informazione sull’Hiv/Aids, l’opinione su come i mass media trattano questo argomento, il permanere di pregiudizi e l’idea di cosa voglia dire oggi essere una persona Hiv+.
Gli italiani conoscono poco l’Hiv, hanno difficoltà a dire con esattezza come si trasmette il virus e poco o nulla sanno sulle cure che esistono per contrastare l’infezione. Riconoscono però che quando i media trattano di casi eclatanti in cui siano coinvolte persone con Hiv, l’approccio dei giornalisti evidenzia sempre il lato scandalistico o allarmistico degli episodi. Ma c’è di più. Quasi un italiano su 3, con più di 45 anni, ritiene di aver visto associati nella comunicazione HIV e “peste” o “cancro dei gay”, stereotipi che col tempo si pensava di aver superato. Invece, ad oltre trent’anni dalla sua scoperta, sono forti ancora i luoghi comuni che impediscono di avere un piena e consapevole conoscenza della malattia.
E proprio perché ignoranti, gli italiani sono piuttosto soddisfatti del loro livello d’informazione sull’HIV/AIDS: oltre il 70% delle persone intervistate ritiene di essere molto o abbastanza informato in materia, con poche differenze tra le età. In realtà per molti aspetti la situazione è assai diversa. Solo circa il 50% delle persone ha saputo rispondere alla domanda su cosa sia l’HIV, con qualche differenza tra le fasce di età e, fatto più preoccupante, tra i giovani tra 25 e 34 anni, potenzialmente i più interessati al contagio sessuale, solo poco più della metà (57%) ha risposto correttamente alla domanda su come sia possibile che si trasmetta il virus dell’HIV, mentre le persone con più di 64 anni ne sono informate nel 70% dei casi. Evidentemente anni di mancata informazione si cominciano a sentire.

Come evidenziato, la disinformazione può avere ripercussioni gravi: solo il 37% dei ragazzi tra i 25 e i 34 anni considera l’HIV curabile, contro il 62% delle persone con più di 64 anni. In questa situazione, di fronte ad un sospetto di contagio, è prevedibile una scarsa propensione in questi ragazzi a fare il test o a comunicare al medico i propri timori. Anche rispetto all’esistenza di terapie per la cura di AIDS e HIV il livello d’informazione è risultato direttamente proporzionale al crescere dell’età: i più giovani, le persone peraltro maggiormente a rischio, sono le meno informate e consapevoli.
La domanda su cosa significhi avere la carica virale azzerata vede i ragazzi più giovani e i 45-55enni convinti, rispettivamente nel 28% e 25% dei casi, che voglia dire non essere infettivi. Nelle altre fasce di età questa percentuale è nettamente più bassa: 15% - 19%. Rispetto a questa domanda, più “tecnica” ma con forte valenza per la prevenzione, i “non so” si collocano tra il 26% e il 40%.

Vivere con l’HIV

Dalla ricerca emerge che l’infezione HIV viene considerata soprattutto grave e pericolosa, molto meno dolorosa. Sono soprattutto i giovani e gli anziani a vedere più l’aspetto della gravità e della contagiosità, mentre la fascia di età 35-54 sembra maggiormente consapevole del risvolto di dolore che l’HIV può comportare. I ragazzi più giovani pensano più degli altri che una persona HIV+ che decida di vivere pubblicamente la propria condizione sia incosciente, mentre a considerala coraggiosa sono soprattutto le persone tra 55 e 64 anni.

I ragazzi più giovani sono convinti che essere HIV+ possa comportare l’essere rifiutati in una relazione sentimentale e sessuale (61%), e essere denigrati o insultati (40%). Al crescere dell’età queste percentuali tendono a calare sensibilmente. La fascia 25-34 è invece quella in cui è più alta la paura che vengano diffuse notizie sul proprio stato di salute (40%). Un ultimo dato preoccupante: la paura del contatto con una persona HIV + diminuisce al crescere dell’età in una progressione quasi lineare: si passa dal 55% a vent’anni al 36% oltre i 64; una prova ulteriore della inadeguatezza della informazione in materia erogata da molti anni.

Sicuramente è molto preoccupante il livello di scarsa conoscenza che denunciano le fasce giovani di intervistati, che statisticamente rappresentano quelle più a rischio contagio. Tutto questo dimostra che a livello di prevenzione, e comunicazione, sul tema Aids/Hiv c’è ancora molto da fare.

La qualità dell’informazione

Infine l’indagine ha sondato l’opinione degli intervistati sulla qualità dell’informazione in materia di HIV/AIDS. I ricercatori hanno posto alcune domande su come fosse stata trattata l’informazione nei casi di Valentino T., Charlie Sheen e Claudio T. che hanno avuto ampia eco da parte dei mass media. Poche persone hanno ricordato autonomamente questi episodi ed è stato necessario ricordare loro di cosa si trattasse. A questo punto, tra chi ha ricordato, più della metà ha rilevato un approccio da parte dei mass media finalizzato a evidenziare il lato scandalistico o allarmistico degli episodi.
Una malattia come l’HIV/AIDS, che di suo comporta una carica emozionale molto elevata, deve essere trattata in modo molto tecnico, equilibrato e competente, poiché ogni scivolone comunicativo è in grado di scatenare le paure delle persone e di fissare nel tempo idee e pregiudizi immotivati; ne è una prova il fatto che oltre il 30% delle persone con più di 45 anni ritiene di aver visto associati nella comunicazione HIV e “peste” o “cancro dei gay”, quando questa associazione da diversi anni è molto rara.
Il 32% delle persone, soprattutto quelle che per età hanno vissuto la prima fase dell’infezione legano ancora HIV con tossicodipendenza e categorie a rischio: evidentemente per un lungo periodo non si è fatto nulla, o molto poco, per spiegare che l’HIV da anni è un problema che riguarda tutti. Sono bassissime, per fortuna, le percentuali di persone che legano la parola HIV a termini come vizioso o immorale.
Una domanda, però, ha riservato una sorpresa positiva: i più giovani sono meno propensi a credere al web delle altre generazioni; considerando le criticità evidenziate da questo strumento di divulgazione rispetto all’HIV/AIDS questa prudenza appare quanto mai opportuna. Come prevedibile sono invece le persone oltre i 64 anni a mostrare una maggiore propensione a credere che i mass media possano essere fonti informative affidabili, mentre per tutte le fasce di età, il canale più affidabile è il personale sanitario.

Secondo Margherita Errico, Presidente di Nps Italia Onlus: «Bisogna prima di tutto intervenire contro lo stigma che ancora riguarda le persone con HIV additati come potenziali “pericoli sociali”, come conferma certa terminologia e certo gergo usato in alcuni articoli di cronaca. Tutto ciò rischia di inficiare quanto fatto in questi anni; rischia di mettere in forse le conquiste avute sul piano del welfare, perché una paura irrazionale ed ingiustificabile potrebbe tornare a discriminare chi è positivo al virus dell’HIV. Ecco perché di recente abbiamo presentato un esposto all’Ordine nazionale dei giornalisti per denunciare un modo sbagliato di far cronaca sulla malattia».

Newsletter

Istituto Della Donazione

onp selezionata da iid 1

Community

community
Submenu:

Sieropositivo.it