community-left

donazioni-left

donazioni-top-left

community-top-left

In questa sezione puoi trovare tutti gli aggiornamenti in tempo reale che riusciamo a reperire sugli sviluppi e l'entrata in commercio di nuovi farmaci per la cura dell'AIDS. Se sei al corrente di novità al riguardo ti invitiamo a collaborare con noi inviando a Davide le notizie in tuo possesso!

SCIENZIATI INGLESI SPERANO IN UNA CURA PER L’HIV

labUn uomo inglese affetto da HIV confida di diventare il primo nel mondo ad essere curato dalla malattia, attraverso una nuova terapia pioneristica ideata per eliminare il virus. L’uomo di 44 anni è stato il primo di 50 persone a completare il test di questo ambizioso trattamento, progettato dagli scienziati e i dottori di cinque delle Università leader dell’Inghilterra.

È la prima terapia creata per rintracciare e distruggere l’HIV in ogni parte del corpo, incluse le cellule latenti che sfuggono agli attuali trattamenti. Se questa terapia avesse successo, offrirà la speranza di una cura irreversibile contro l’HIV e potrebbe far risparmiare al NHS (National Health System) milioni di sterline inglesi. Test recenti mostrano che non si trovano tracce del virus nel sangue del paziente. Ma si dovrà aspettare alcuni mesi prima di confermare che il trattamento ha permanentemente eliminato la malattia. È possibile che l’assenza del virus possa essere dovuta alle medicine convenzionali che il paziente ha continuato a prendere, le quali possono temporaneamente eliminare la malattia dal corpo.

Leggi tutto

PAZIENTE AFFETTO DA HIV GUARITO GRAZIE AD UNA CURA SPERIMENTALE

hiv3Ora, che con le terapie antiretrovirali si riesce a eliminare il virus Hiv nel sangue, la sfida è riuscire a stanarlo dai 'reservoir', i depositi nelle cellule in cui rimane dormiente ma pronto a riattivarsi. Potrebbero esserci riusciti i ricercatori di un team britannico, che hanno annunciato al Sunday Times che il virus sembra essere sparito nell'organismo del primo paziente che ha concluso la loro terapia sperimentale. Il protagonista della vicenda è un uomo di 44 anni, assistente sociale, che fa parte di un gruppo di 50 pazienti selezionato per ricevere la terapia. Il protocollo messo a punto dalle università di Oxford, Cambridge, Imperial College, University College London e King's College combina l'uso delle terapie antiretrovirali standard con un farmaco che riattiva il virus Hiv 'dormiente', insieme a un vaccino che induce il sistema immunitario a distruggere le cellule infette.

Leggi tutto

AIDS: parte una delle sperimentazioni più imponenti della storia per trovare vaccino contro il virus

M Id 419107 AIDS

È stato annunciato alla Conferenza Mondiale AIDS in Sudafrica: quasi 10.000 persone coinvolte solo nella prima fase. Potrebbe rappresentare una svolta storica
I vaccini per l’AIDS sono la grande novità della Conferenza Mondiale AIDS 2016 tenutasi in Sudafrica. Le speranze per un vaccino veramente efficace contro l’HIV risalgono al 2000, ultimo anno in cui la Conferenza Mondiale sull’AIDS si tenne a Durban prima della attuale appena conclusasi.

Leggi tutto

HIV, IL VACCINO TAT SEMBRA EFFICACE

vaccino-aidsIl vaccino ideato da Barbara Ensoli per il trattamento delle infezioni da Hiv sembra efficace. Lo dice uno studio di fase II realizzato in Sudafrica, i cui risultati sono apparsi sulla rivista Retrovirology.

«Con la somministrazione di una piccolissima quantità della proteina Tat - ha spiegato Ensoli - siamo stati in grado di indurre una risposta immunitaria capace di migliorare l'efficacia dei farmaci anti-Hiv, evidenziata da un aumento significativo di cellule T CD4. Un risultato che conferma quanto già visto in un precedente trial condotto in Italia».

Nel corso dello studio sono stati coinvolti 200 pazienti in terapia con i medicinali anti-Hiv, che puntano a bloccare la replicazione del virus. I soggetti sono stati randomizzati a ricevere 3 iniezioni di 30 microgrammi di vaccino o un semplice placebo. I dati indicano che vi è stato un aumento significativo di cellule T CD4 in circolo nel gruppo dei vaccinati. L'aumento era ancora più evidente in quei pazienti che al momento della vaccinazione presentavano i livelli più bassi delle stesse cellule.

Leggi tutto

Newsletter

Istituto Della Donazione

onp selezionata da iid 1

Community

community
Submenu:

Sieropositivo.it