community-left

donazioni-left

donazioni-top-left

community-top-left

Il numero delle donne affette da Hiv è in costante crescita. Anche alla luce di ciò un comitato indipendente costituito da associazioni di pazienti ed esperti hanno costituito un programma che possa venire incontro alle loro problematiche ed esigenze. Si chiama SHE (Strong, Hiv Positive, Empowered Women) ed è stato presentato al Congresso dell’International Aids Society in corso a Roma.

 

Donne che aiutano le donne. Potrebbe essere questo il senso, l’anima di SHE. L’acronimo sta per “Strong, Hiv Positive, Empowered Women” ed è il nome che le associazioni di pazienti e gli esperti europei hanno dato al primo programma educazionale in Europa volto a fornire supporto alle donne affette da Hiv. Il loro numero è infatti in costante crescita mentre la consapevolezza che la sieropositività rappresenti, in particolare per le donne, una patologia con aspetti difficili da gestire è ormai un dato di fatto.

Il progetto va incontro al bisogno in costante aumento di informazione che si registra tra le utenti potenziali, in quanto vi sono esigenze strettamente legate allo stato di sieropositività femminile – vedi la maternità piuttosto che la scelta di un contraccettivo adatto – su cui le donne faticano a trovare un supporto adatto e tempestivo. Indagando su questo fronte, per esempio, si è visto come la gran parte delle donne sieropositive non sappia cosa significhi avere un figlio né che con le attuali terapie antiretrovirali si è in grado di proteggere il nascituro.

Nato in tale contesto, SHE si pone l’obiettivo di fornire alle donne Hiv+ strumenti per migliorare la loro qualità di vita, in particolare attraverso un dialogo aperto con gli esperti e, soprattutto, grazie al supporto fornito dalle “pari”, cioè da donne nella stessa condizione clinica che possano aiutarle ad affrontare pregiudizi e difficoltà oltre che a sentirsi, malgrado la malattia, sempre più reattive e forti.

Ma SHE non promuove solo il dialogo e il supporto tra le donne affette dalla stessa patologia, si pone anche l’obiettivo di supportare e agevolare la comunicazione tra le utenti e gli specialisti,

anche incoraggiando questi ultimi a promuovere l’aiuto offerto dalle “pari” nei diversi centri.

 

Photo: ©IASMarcus Ros

 

Newsletter

Istituto Della Donazione

onp selezionata da iid 1

Community

community
Submenu:

Sieropositivo.it